La Biagiola: l’identità dei vini delle Città del Tufo

L’intento della Biagiola è quello di proporre vini di alta qualità, ricercando equilibrio e armonia nei profumi e nei gusti e, allo stesso tempo, ottenere vini con una forte identità e tipicità, in maniera di dare spazio all’espressione delle varietà di uva allevate, attraverso le loro numerose ed eccezionali sfumature.

Le viti sono coltivate nel più grande rispetto dell’ecosistema che le ospita, su un terreno generoso che, fin da epoca antichissima, è stato utilizzato alla coltivazione dell’uva.

Estrema attenzione viene posta nell’ottenere un’uva sana e con eccellenti qualità; a questo si affiancano tecniche di cantina sempre aggiornate, permettendo di seguire tutti i processi della vinificazione in maniera ideale e sicura.

La Biagiola si trova nel territorio delle Città del Tufo, ricchissimo di vestigia della antica civiltà degli Etruschi: proprio la Biagiola ospita un sito archeologico che mostra come la storia si sia ‘stratificata’ in questo luogo.

Su una villa arcaica si trovano i resti di una villa romana di età imperiale; le strutture romane furono poi riutilizzate nell’Alto Medioevo per una necropoli longobarda, che ha restituito corredi tombali di grande ricchezza e interesse: il giacimento archeologico è di estremo interesse in un’area già conosciuta per le sue necropoli etrusche, i castelli e le chiese medievali.

La proposta dei vini inizia con i bianchi: ‘Matan’ da uve vermentino e viognier e da due vermentini in purezza, il ‘Pesna’ che è lasciato invecchiare 12 mesi in legno e il ‘Cocciopesto’ che viene fermentato per 15 mesi in Anfore di Cocciopesto; tra i rossi, ‘Tesan’, da uve sangiovese e alicante, e ‘Alideo’, sangiovese in purezza invecchiato in rovere.

Cerca La Biagiola sulla APP The Taste Travelers – Vagabondi del Gusto per contattarla, conoscere i suoi prodotti e prenotare una visita.