Hostaria del Ceccottino: la cucina territoriale delle Città del Tufo

Nell’aprile del 2004 Alessandro Francardi e Chiara Bernardi danno inizio all’avventura della loro vita: “Il Ceccottino”.

Alessandro è un ‘Pitiglianese vero’ e ha sempre avuto la ristorazione nel cuore; Chiara invece nasce a Trento ma, per motivi lavorativi, si trasferisce con la famiglia a Jesolo Lido dove gestisce un’attività nel settore alberghiero.

L’incontro tra loro è fatale e insieme acquistano un’antica trattoria nella piazza principale di Pitigliano, uno dei borghi più caratteristici della zona delle Città del Tufo in Maremma, quella della Cattedrale con la bella ‘Torre Campanaria’ che svetta sul centro storico.

Nasce così l’Hostaria del Ceccottino: il nome viene preso da uno dei soprannomi della famiglia Francardi, mentre il simbolo che rappresenta l’attività è un simpatico coniglietto seduto di schiena su un rotolo di pergamena.

Il ristorante ha due terrazze all’aperto, una delle quali sotto il loggiato della piazza, mentre all’interno si trovano diverse accoglienti salette, elegantemente ristrutturate.

Il cuore della cucina e colei che ne esprime il carattere tipicamente toscano è Carla Ripaccioli, che ha imparato l’arte attraverso l’impegno quotidiano e i preziosi consigli delle cuoche toscane.

Una cucina strettamente legata al territorio con una scelta accurata dei sapori e della qualità dei prodotti, con particolare attenzione a quelli a “km zero”.

Completa la proposta gastronomica una ricca carta dei vini espressione del territorio ed uno staff affiatato, sempre attento al cliente.

°   °   °

Cerca Hostaria del Ceccottino sulla APP The Taste Travelers – Vagabondi del Gusto per contattarla, conoscere i suoi piatti e prenotare un tavolo.